I piedi fasciati della Cina

 Il suo pregio maggiore, però, erano i piedi fasciati, che in cinese venivano chiamati “Gigli dorati di otto centimetri” (san tsun gin lian). Ciò significava che si muoveva “come un tenero virgulto di salice alla brezza primaverile” […] Si riteneva che la vista di una donna che vacillava sui piedi fasciati avesse un effetto erotico sugli uomini, in parte perché la vulnerabilità avrebbe dovuto ispirare a chi la osservava il desiderio di proteggerla.

I piedi di mia nonna erano stati fasciati quando aveva due anni. Dapprima sua madre, […], le aveva avvolto intorno ai piedi una pezza di stoffa bianca lunga circa sei metri, piegandole tutte le dita (tranne l’alluce) in basso al di sotto della pianta del piede. Poi ci aveva messo sopra una grossa pietra per frantumare l’arco del piede. […] La nonna era svenuta più volte per il dolore.
Il trattamento si era prolungato per parecchi anni.

A quei tempi, quando una donna si sposava, la prima cosa che la famiglia dello sposa faceva era esaminare i piedi. Si riteneva che i piedi grandi, cioè normali, fossero un disonore per la famiglia dello sposo.

Tratto dal libro “Cigni selvatici – tre figlie della Cina” di Jung Chang

Ho voluto lasciarvi tre stralci del libro “Cigni selvatici”, per introdurre l’argomento che oggi voglio affrontare: “i piedi di loto”. Nel libro si racconta la storia di tre generazioni di donne cinesi, la scrittrice ci parla di sua nonna e della tradizione di un tempo che prevedeva di fasciare i piedi delle bambine in modo che gli arti crescessero arricciati come se fossero dei fiori di loto non ancora schiusi.. Non vi posso negare che la descrizione della procedure di fasciatura mi ha particolarmente colpita e visto che oggi è un giorno speciale, è la festa della donna, voglio parlarvi di questa usanza crudele e maschilista che modificava e mortificava il corpo della donna e rendeva doloroso e difficile fare qualsiasi cosa..

51
A sinistra piedi fasciati di un’anziana donna..
in Cina, fino alla metà del XX secolo, una ragazza nata in una famiglia benestante quasi sicuramente avrebbe subito la fasciatura del piede. Questa modificazione del corpo aveva lo scopo di attirare pretendenti, ostentando il proprio status sociale.

Non è ben noto il motivo per cui questa tradizione fosse legata ai piedi, ma alcuni storici ritengono che la tradizione è nata quando le donne hanno cominciato ad imitare le concubine imperiali, le quali aveva i piedi piccoli e fasciati. Indipendentemente dalla sua origine, avere i piedi fasciati è stata una pratica attuata per centinaia di anni, ma nel 1902 fu abolita e solo una cinquantina di anni fa, si è definitivamente estinta.

0b216ad085ad8dd00669adfb32d8e7d0

I piedi dovevano raggiungere una dimensione di 7 – 8 centimetri, le scarpette erano realizzate appositamente ed erano in seta ricamata. La deambulazione era precaria, lenta e dolorosa e faceva apparire le donne come fragili fuscelli in balia del vento.. Gli uomini non avevano il permesso di vedere i piedi nudi delle loro mogli (i quali piedi erano attorcigliati, deformi ed emanavano sgradevoli odori), e le donne si dedicavano a dei pediluvi solo quando erano sole. Il pediluvio alleviava il dolore e la tensione muscolare. La pratica di fasciare i piedi si è pian piano estesa anche tra le donne delle famiglie meno abbienti, nel tentativo di esser notate da ricchi e potenti uomini, e verso la fine del 1800 il 50% delle donne di classe sociale inferiore avevano i piedi di loto e tra le donne delle classi sociali superiori si contava quasi il 100%.

Oggi in alcuni villaggi vivono le ultime donne con i piedi fasciati e cliccando QUI potete vedere il documento della fotografa Jo Farrell.

_MG_1508_copy-2

Annunci

Come realizzare le UOVA ROSSE CINESI??

In inglese la chiamano “Red eggs and ginger party” ed è una festa molto importante in Cina (clicca qui per saperne di più)

DSCN7022

Per realizzarle anche noi avremmo bisogno di:

  • uova,
  • 1 cucchiaino di sale,
  • qualche gocce d’aceto,
  • colorante rosso alimentare (potete usare sia la fialetta che la polvere, ma forse quest’ultima è meglio perchè più scrivente e renderà il guscio dell’uovo di un rosso più intenso).

2009121014175579

  1. In una pentola con acqua fredda immergiamo le uova, il fuoco deve essere dolce in modo tale che le uova non si rompano.
  2. Aggiungiamo nell’acqua l’aceto e il sale (sgrasseranno l’uovo, rendendolo poroso cosicché il colore si imprime meglio).
  3. Dopo 10/15 minuti le uova saranno sode e possiamo toglierle dall’acqua.
  4. In una ciotolina mettiamo il colorante rosso e immergiamo le uova. Et voilà!! 🙂

le-uova-rosse-ischitane-e-greche-foto-web-480x3591-e1333984545431

Vi lascio il video di come le ho realizzate io:

 

 

La tradizione delle uova rosse “red eggs and ginger party”

E’ una tradizione antica quella di preparare per il primo mese di vita del bambino (ma anche per il primo compleanno) delle uova sode con il guscio colorato di rosso! In cinese uova rosse si dice: 红鸡蛋  Hóng jīdàn hé   e la festa 红鸡蛋和生姜方  Hóng jīdàn hé shēngjiāng fāng si traduce con “Red eggs and ginger party”

3415401961_622329e9c6_z

Ma perché c’è questa tradizione? 

In Cina il primo mese di vita di un bambino è molto importante, infatti a causa della povertà il tasso di mortalità infantile era piuttosto alto e la gente credeva che un bambino che avesse raggiunto un mese era un sopravvissuto. E’ una festa molto speciale per i cinesi, gli ospiti alla festa portano dei regali per il nuovo arrivato, i maschietti ricevono denaro (in buste rosse) e le femminucce dei gioielli.

Tabella ha impostato per l'uovo rosso e zenzero partito
Nella cultura cinese, si pensa che la tigre, essendo il re degli animali, sia colei che protegge i bambini ed ecco che molti regali raffigurano una tigre. Le scarpettine hanno gli occhi della tigre, in modo tale che essa possa guidare il bimbo nei primi suoi passi ed indirizzarlo sulla giusta via.
ECTS025 IMG_2079

Durante la festa i genitori offrono agli invitati le uova colorate di rosso perchè le uova sono simbolo di vita e la sua forma circolare simboleggia l’armonia e la felicità, mentre il rosso in Cina è sinonimo di felicità e prosperità.

SAM_1547

E lo zenzero cosa c’entra?
Ha il suo significato simbolico, infatti nella cucina cinese lo zenzero è molto importante per stabilire l’equilibrio tra lo yin (freddo) e lo yang (caldo). Lo zenzero aggiunge un tocco piccante alle esigenze nutrizionali di una donna che ha appena partorito. Per acquistare le forze le neo mamme cinesi bevono un tradizionale brodo fatto con i piedi di maiale, uova, aceto e zenzero.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: